Spesometro cosa comunicare per l’anno 2012

Spesometro cosa comunicare per l’anno 2012

Vediamo cosa principalemte andrà comunicato all’Agenzia delle Entrate con lo spesometro realtivo al periodo di imposta 2012:

i soggetti titolari di partita Iva dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate, tutte le operazioni rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto per le quali è stata emessa fattura, mentre per le operazioni senza obbligo di emissione della fattura (scontrino, ricevuta fiscale) l’obbligo scatterà se il relativo importo è di almeno 3.600 euro, Iva compresa. Per le operazioni di minore importo (fatture emesse o ricevute di importo inferiore a 300 euro), è prevista la possibilità di annotare il documento riepilogativo (articolo 6, comma 1, Dpr 695/1966). In tal caso, nella comunicazione devono essere indicati il numero del documento, l’ammontare complessivo imponibile delle operazioni e quello complessivo dell’imposta. L’adempimento, quindi, riguarda anche tali operazioni. Tuttavia, per motivi di semplificazione, limitatamente agli anni 2012 e 2013, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che i soggetti di cui agli articoli 22 e 74-ter del Dpr n. 633/1972 possono comunicare le sole operazioni per le quali viene emessa fattura di importo pari o superiore a 3.600 euro al lordo dell’imposta (provvedimento del 2 agosto 2013).

Si ricorda che i contribuenti con contabilità mensile dovranno procedere alla comunicazione entro il 12 novembre 2013, mentre per coloro che abbiano una contabilità trimestrale la comunicazione andrà effettuata entro il 21 novembre 2013.

TAGS: - - - - - - - -

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>