REDDITOMETRO alleggerito con l’ “eliminazione” dal calcolo delle spese medie Istat

REDDITOMETRO alleggerito con l’ “eliminazione” dal calcolo delle spese medie Istat

La circolare n. 6/E/2014 dell’Agenzia delle Entrate fa seguito a quanto già afferamto dal Garante della Privacy, in merito all’inaffidabilità e pertanto all’inutilizzabilità dei dati Istat negli accertamenti fiscali.

La novità caratterizzante l’anzidetta circolare, riguarda le spese basate su medie Istat, le quali rileveranno solo se fondate su elementi certi, riscontrabili ed effettivamente sostenute e desumibili dalle informazioni presenti in anagrafe tributaria. Quindi le voci di spesa a base statistica avranno un’incidenza piuttosto modesta sulla riduzione della ricostruzione del reddito presunto. Va comunque ricordato che le spese per beni e servizi di uso quotidiano, quali esemplificando spese per alimenti e bevande, abbigliamento, calzature, libri scolastici, rette scolastiche, gioielleria, viaggi, ecc.. rileveranno comunque nel redditometro, quando la loro esistenza risulterà dagli elementi presenti in anagrafe tributaria. Infatti, in questi casi saremo in presenza di spese certe già segnalate al Fisco, attraverso uno dei mezzi di comunicazione quali spesometro, acquisizione di dati presso terzi, comunicazioni obbligatorie e quant’altro, quindi pienamente rilevanti.

Si ricorda inoltre, che resteranno comunque confermate nel redditometro, le spese quantificate su dati basati su medie Istat, correlate ai parametri oggettivi del bene nella disponibilità del contribuente, ad esempio dai Kilowatt riferibili agli autoveicoli si presuppone l’entità delle spese sostenute per carburanti, assicurazione, bollo, manutenzione ordinaria dello stesso veicolo.

TAGS: - - - - - - - - - - - - - - -

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>