Equitalia – elevato a 50mila euro il limite per la rateazione veloce delle cartelle, elevato anche il numero di rate da 48 a 72

Equitalia – elevato a 50mila euro il limite per la rateazione veloce delle cartelle, elevato anche il numero di rate da 48 a 72

Equitalia semplifica l’accesso alla rateazione delle cartelle esattoriali. Infatti si potrà con una semplice richiesta rateizzare fino a 50mila euro e per una durata di 72 mesi. Quindi per i debiti iscritti a ruolo di importo inferiore uguale ai 50mila euro non sarà più necesssario documentare il proprio stato di disagio e rispettare determinati parametri, inoltre si ricorda che il limite era già stato innalzato a 20mila euro all’inizio di marzo 2012 e adesso è stato nuovamente innalzato, questo a dimostrazione che anche l’ente addetto alla riscossione dei tributi ha percepito le difficoltà economiche che attualmente affliggono famiglie e imprese.

Per gli importi sopra 50mila euro per attivare la rateazione, si dovrà continuare a presentare dei documenti aggiuntivi che certifichino la situazione di temporanea difficoltà. Quindi, per le persone fisiche sarà richiesto l’Isee, mentre per gli altri soggetti saranno rischiesti i “famosi” parametri economico-finanziari da rispettare quali “l’indice di liquidità” e “l’indice alfa”. L’importo minimo di ogni rata è di 100 euro. Inoltre il contribuente potrà indicare nel piando di dilazione se lo preferisce a rate costanti o crescenti. Chi avrà ottenuto la rateazione non sarà più considerato inadempiente e se pagherà con regolarità non sarà passibile di procedure cautelari esecutive o di iscrizioni ipotecarie a cura di Equitalia, inoltre potrà ottenere il Durc (documento unico di regolarità contributiva).

TAGS: - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>